cuore viola

Mi ricordo ancora, da piccolo negli anni ottanta, tutti i miei amici che ogni anno a fine maggio, facevano le sfilate, festeggiando gli scudetti delle loro squadre (sempre le solite).

Io, insieme ad un altro “sfigato” come me, ce ne stavamo in disparte e guardavamo in silenzio e pensavamo: il prossimo anno tocca a noi.

 

Ma come al solito era un illusione, tranne per quell’anno magico del 1981, ma la storia la conoscete tutti.

Però mi ricordo anche la sfilata che feci nel 1983, sempre insieme al mio amico, con la bandiera dell’Amburgo, in sella alla mia mitica bici graziella. Magath divenne il mio eroe.

Però anche in queste occasioni venivamo sbeffeggiati, d’altronde ci toccava festeggiare per le sconfitte altrui e non per le nostre vittorie.

Giustamente vi chiederete perché ho iniziato raccontando queste cose? Perché tifare Fiorentina, non era facile a quell’epoca e non lo è oggi. Allora perché un’abruzzese deve tifare viola? Certo se sei di Firenze o vivi in Toscana, già la cosa è più logica.

Non possiamo dire neanche: mi sono innamorato della Fiorentina quando vinse lo scudetto nel 1969, se lo possono ricordare i nostri genitori, ma noi nati negli anni settanta no.

Allora perché questa fede viola?

Nessuno lo potrà mai spiegare, qualcuno direbbe per Antognoni, quelli della mia età direbbero Baggio, i più giovani direbbero Batistuta ma non sono motivazioni forti per farti diventare un vero tifoso viola, ti potrebbero far diventare simpatizzante ma non farti entrare dentro la fede viola.

Sono sicuro che se tutti noi ci facciamo questa domanda, nessuno sarà in grado di dare una risposta.

Nessuno saprà spiegare perché quando la domenica la Fiorentina perde, diventiamo scontrosi e la settimana inizia male, mentre quando vince siamo più felici. Allora perché?

Avete mai provato ad insegnare, anche se la fede non si insegna, a far diventare tifoso viola i vostri figli? Io personalmente non ci sono riuscito.

Perché oltre a non vincere niente, quegli anni sono stati tragici (C2, serie B, salvezza all’ultima giornata, calciopoli), quindi per quale motivo un bambino deve tifare viola?

Per farsi prendere in giro dagli amichetti? No. Loro vivono con la televisione e mediaticamente noi siamo zero. Pensate che qualche anno fa, quando a mio figlio regalarono la Nintendo Wii, qualche giorno dopo mi disse: papà anche a Fifa 12 la Fiorentina ha il quoziente più basso. Quindi chiudo la parentesi figli e mi ridomando perché tifo viola?

Perché noi sappiamo godere anche di piccole cose.

Grazie al Viola Club Abruzzo, si è riaccesa la passione dentro tutti noi.

L’imminente trasferta che faremo sabato mi ha caricato. Sono emozionato e non vedo l’ora di partire. Sono tornato bambino, sono troppo felice. Questa trasferta ha riacceso delle emozioni che non provavo da tempo. Quaranta abruzzesi che insieme vanno a Firenze a vedere la partita è un sogno per tutti noi.

Poi un grazie anche al Bar Settimo Cielo. Vedere la partita insieme ad altri tifosi viola è bellissimo. A 42 anni sono ritornato ragazzo e mi sento come un ultrs.

Quindi chiudo dicendo:

FORZA VIOLA E GRANDE VIOLA CLUB ABRUZZO,

GRAZIE DI CUORE.

Massimiliano Di Ubaldo

Condividi
Joomla Templates by Joomla51.com